Trio-Johannes_bassa
13793695014_11b7cc06f1_o
13775919695_f96318d496_o
13793718434_6bdbbdfa5a_o
14849313704_82e277975d_o
12742839803_307c1ce3b7_o
14272513000_b309cf6c7b_o
14258510277_b27639c971_o
14885017895_0234486e17_o
Previous Next Play Pause
Trio-Johannes_bassa Trio-Johannes_bassa
13793695014_11b7cc06f1_o 13793695014_11b7cc06f1_o
13775919695_f96318d496_o 13775919695_f96318d496_o
13793718434_6bdbbdfa5a_o 13793718434_6bdbbdfa5a_o
14849313704_82e277975d_o 14849313704_82e277975d_o
12742839803_307c1ce3b7_o 12742839803_307c1ce3b7_o
14272513000_b309cf6c7b_o 14272513000_b309cf6c7b_o
14258510277_b27639c971_o 14258510277_b27639c971_o
14885017895_0234486e17_o 14885017895_0234486e17_o
borse di studio

Emanuela Schiavonetti

Strumento: Violino

Borsa di studio dal 2010 al 2012

Scuola frequentata con la borsa di studio: Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano

Nata ad Asti nel 1990, inizia giovanissima lo studio del violino, al quale affianca gli studi classici, e si è diplomata brillantemente presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino. Successivamente, con il sostegno della De Sono, ha frequentato il Conservatorio Superiore della Svizzera Italiana prima con Valery Gradow e poi con Klaidi Sahatci fino al conseguimento del “Master of Arts in Music Performance”.

Ha seguito corsi e masterclasses con Enzo Ligresti, Glauco Bertagnin, Francesco Manara, Markus Däunert. Vadim Brodsky, Rainer Schmidt, Salvatore Accardo e con il Trio Altenberg.

È stata premiata in numerosi concorsi nazionali e internazionali e ha collaborato con musicisti di fama internazionale, tra cui Alexander Lonquich, Gianluca Cascioli, Enrico Dindo, Salvatore Accardo, Markus Däunert, Helena Winkelmann e Alexander Vedernikov.

Collabora con l’Orchestra della Svizzera Italiana, l’orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, l'ensemble "Armoniosa" e nell'ambito della musica da camera si esibisce in varie formazioni in importanti rassegne concertistiche tra cui MiTo. Ha esordito come solista con l’Orchestra del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino nel Concerto in mi minore op. 64 di Mendelssohn.