Concerto30Anni
archi de sono
brahmsilprogressivo
Previous Next Play Pause
Concerto30Anni Concerto30Anni
archi de sono archi de sono
brahmsilprogressivo brahmsilprogressivo
concerti
Archivio concerti
Martedì, 31 Gennaio 2017 12:45

Tommaso Santini

Nato a Trento nel 1993, ha conseguito col massimo dei voti e la lode il diploma accademico di primo livello al Conservatorio di Bolzano, sotto la guida di Marco Bronzi.

Ha partecipato a corsi e masterclasses con Lukas Hagen, Dora Schwarzberg e Yaïr Kless.

Attualmente è iscritto al biennio superiore presso il Conservatorio di Torino, dove studia con Sergio Lamberto e si sta perfezionando in un corso di formazione orchestrale tenuto dalle prime parti della Filarmonica Teatro Regio presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo.

Nel 2014 ha partecipato ai corsi dell’Accademia Gustav Mahler di Bolzano, suonando sotto la direzione di Daniel Harding. Nel 2015 ha suonato nella Orchestre Français des Jeunes, sotto la direzione di David Zinman, in Francia e Svizzera in sale quali Philharmonie di Parigi, Grand Théatre de Provence di Aix, Auditorium Stravinskij di Montreux. Dallo stesso anno è membro dell’Orchestra Giovanile Italiana di Fiesole, nel ruolo di concertino dei primi violini nel 2015 e di spalla dei secondi nel 2016, e ha suonato sotto la guida di noti maestri tra cui Jeffrey Tate, Daniele Gatti, Juraj Valčuha, John Axelrod, Stanislav Kochanovsky, Andris Poga, Giampaolo Pretto, nei più importanti teatri e festivals italiani. A Fiesole partecipa inoltre a stage di musica da camera con Andrea Lucchesini, Andrea Repetto e Alina Company, nonché sui passi orchestrali con Andrea Tacchi, Marco Lamberti e Cecilia Bacci.

A settembre 2016 ha suonato nel quintetto op.44 di Schumann insieme ad Andrea Lucchesini per il festival MITO. È risultato idoneo alle selezioni 2016 per la Gustav Mahler Jugendorchester e collabora con l’Orchestra Giovanile Cherubini, diretta da Riccardo Muti.

 

Borsa di studio assegnata per l'anno accademico 2016-2017, in collaborazione con il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino e con il sostegno della Compagnia di San Paolo

Martedì, 04 Ottobre 2016 15:42

Nel teatro del Principe

L’attività nel teatro della Villa medicea di Pratolino, presso Firenze, culminò nel primo decennio del Settecento, quando il principe Ferdinando de’ Medici vi fece rappresentare, una per anno, opere in musica di Alessandro Scarlatti e Giacomo Antonio Perti. Le partiture sono perdute, ma sopravvivono numerosi documenti inediti: essi illustrano il mecenatismo del Principe e il funzionamento della macchina teatrale. Il saggio si concentra sulle sei opere di Perti (Lucio Vero, Astianatte, Dionisio, Ginevra, Berenice e Rodelinda), nonché sui suoi rapporti col Principe, col librettista Antonio Salvi, col rivale Scarlatti, con i cantanti e con la corte ferdinandea, sullo stile da lui seguito e – per quanto è dato sapere o lecito ipotizzare – sulla fisionomia dei suoi lavori (strutture e risorse poetiche, teatrali e musicali).

Domenica, 04 Dicembre 2016 12:39

Premio Renzo Giubergia 2016

Premio Renzo Giubergia

IV Edizione

alla clarinettista Maura Marinucci

 

Archi De Sono orchestra da camera

Alessandro Moccia primo violino concertatore

Maura Marinucci clarinetto

 

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)

Concerto in la maggiore per clarinetto e orchestra KV 622

Gaspare Tirincanti (1951-2014)

Clarinettologia

Franz Joseph Haydn (1732-1809)

Sinfonia in sol maggiore «La sorpresa» Hob. I:94

 

Ingresso libero

Venerdì, 24 Marzo 2017 12:39

Percussioni contemporanee

ore 19.00 Sala «Alfredo Casella»

Incontro con il compositore Adriano Gaglianello a cura di Andrea Malvano

 

ore 20.30 Salone

Archi De Sono

Helena Winkelmann primo violino concertatore

Simone Rubino percussioni

 

Tōru Takemitsu (1930-1996)

Requiem

Carlo Boccadoro (1963)

Power station per percussioni

Adriano Gaglianello (1983)

Malbork per archi e percussioni

(prima esecuzione assoluta)

Benjamin Britten (1913-1976)

Variazioni su un tema di Frank Bridge

 

Ingresso libero

 

Programma di sala

Lunedì, 10 Aprile 2017 12:39

Papà Haydn

ore 19.00 Sala «Alfredo Casella»

Guida all'ascolto a cura di Andrea Malvano

 

ore 20.30 Salone

Archi De Sono

Alessandro Moccia primo violino concertatore

 

Carl Philipp Emanuel Bach (1714-1788)

Sinfonia H. 654 Wq. 179

Joseph Haydn (1732-1809)

Sinfonia n. 49 «La Passione» Hob. I: 49

Franz Schubert (1797-1828)

Quintetto D. 956

 

Ingresso libero

 

Programma di sala

Sabato, 11 Giugno 2016 15:52

Quartetto Maurice

Fondato nel 2002 presso l’Istituto Corelli di Pinerolo e sotto la guida di Francesca Gosio (Trio Debussy), il Quartetto Maurice si diploma nel 2009 presso la Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida di Andrea Nannoni, frequentando parallelamente l’Accademia del Quartetto con i più importanti Maestri del panorama musicale cameristico: Hatto Beyerle, György e Marta Kurtág, Andreas Keller, Peter Cropper, Piero Farulli, V. Mendellssohn. Segue lezioni con Christophe Giovaninetti per un anno presso il Conservatorio di Parigi. Approfondisce il repertorio contemporaneo con Roham de Saram e Irvine Arditti, Francesco Dillon, Franck Chevalier (Quatuor Diotima), Josef Klusoň (Prazak Quartet), Helmut Lachenmann, Philippe Manoury.

Il Quartetto si è esibito inoltre in concerti in tutta Italia e all'estero, tra i quali: Biennale di Venezia 2013, a New York presso l'Italian Academy della Columbia University, a Parigi per il festival “Manifeste”, a Firenze per il festival “Playit” e per la stagione “music@villaroma", a Strasburgo per il festival "Minifest De Musique de Demain", a Macerata per la "Rassegna Nuova Musica", per il festival "Nuova Musica" di Treviso, per il festival "Encontres de Compositores" di Mallorca, per l' "International Fajr Music Festival" di Teheran (Iran), presso il Teatro Dal Verme di Milano, al Teatro Bibiena di Mantova, al "Festival dei Due Mondi" di Spoleto. Il Quartetto è stato selezionato dall'Associazione Piero Farulli per il progetto "Le Dimore del Quartetto".

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

Nel 2016 ha vinto il Premio «Piero Farulli» conferito dalla commissione del XXXV Premio della Critica Musica «Franco Abbiati».

Sabato, 11 Giugno 2016 15:49

Francesco Olivero

Ha studiato chitarra classica presso il Conservatorio «Giorgio Federico Ghedini» di Cuneo e in seguito presso il Conservatorio di Musica di Maastricht. Nel 2016 ha ricevuto le borse di studio della De Sono e dell’Associazione Inner Wheel, con le quali ha potuto finanziare le sue attività musicali ed artistiche. Attualmente sta seguendo il Master in musica antica al Conservatorio Reale di Bruxelles con Nicolas Achten ed è stato ammesso per il post graduate presso l’ESMUC (Escuela Superior Musical de Catalunya) a Barcellona con Xavier Diaz – Latorre.

Si esibisce regolarmente per importanti festival e associazioni in Italia (MiTo SettembreMusica, ILMA Festival, Festival del Marchesato), Olanda (Oude Muziek Festival), Belgio (Bruxelles Operette). Ha registrato il suo primo disco da solista Li Maestri del Chitarrone con l’etichetta musicale italiana Way Music nel 2016.

Sabato, 11 Giugno 2016 15:46

Martina Gallo

Nata a Ragusa nel 1995, nel 2013 si è diplomata in violino al Conservatorio di Torino e nello stesso anno ha vinto il Premio “Stefano Tempia”. Ha studiato con Felice Cusano, Dora Schwarzberg, Adrian Pinzaru e Francesco De Angelis e ha seguito numerose masterclass. Con il sostegno della De Sono ha frequentato la Hochschule der Künst nella classe di Corina Belcea, conseguendo il Master in Music Performance nel 2017, e sta ora seguendo, sotto la guida di Klaidi Sahatci, un Master of Advanced Studies al Conservatorio della Svizzera Italiana. Vincitrice della Rassegna “M. Benvenuti” a Vittorio Veneto e di numerosi primi premi in vari concorsi internazionali, ha ottenuto borse di studio dalla Fondazione CRT e da numerose fondazioni svizzere, tra cui Lyra Stiftung. Invitata da varie associazioni culturali e musicali, si è esibita in sale prestigiose quali il Mozarteum di Salisburgo, il Teatro Vittoria di Torino, la Reggia di Venaria, la Marmosaal del Castello di Weissenstein (in qualità di solista, con il Concerto di Čaikovskij), il Quirinale (in occasione del sessantesimo anniversario della Costituzione, alla presenza delle più alte cariche dello Stato) e il Zentrum Paul Klee di Berna. Nel 2016 ha vinto l’internship nella Berner Symphonieorchester, nel 2017 nella Sinfonieorchester Basel e nel 2018 nella Sinfonie Orchester Biel Solothurn, nonché l’audizione nella Sinfonietta di Losanna.

 

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

Sabato, 11 Giugno 2016 15:44

Pietro Locatto

Nato a Torino nel 1990, ha compiuto i suoi studi sotto la guida di Stefano Grondona presso il Conservatorio di Vicenza, dove si è diplomato nel 2008. Successivamente, sotto la guida di Frederic Zigante, ha conseguito il diploma di II livello a indirizzo didattico presso il Conservatorio di Torino e il diploma di II livello a indirizzo concertistico presso il Conservatorio di Alessandria, sempre con il massimo dei voti e la lode. Ha frequentato le masterclasses di Oscar Ghiglia, Laura Mondiello, Paul Galbraith, Carles Trepat, Jukka Savijoki, Arturo Tallini, Lorenzo Micheli, ricevendo borse di studio e particolari riconoscimenti tra cui cinque Diploma di Merito dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena.

Attualmente frequenta il Master of Advanced Studies in Music Performance and Interpretation presso il Conservatorio della Svizzera italiana nella classe di Lorenzo Micheli.

Si è aggiudicato numerosi premi in concorsi nazionali e internazionali ed è stato invitato ripetutamente come esecutore dal Convegno Internazionale di Chitarra di Alessandria. Si è esibito in Spagna, Svizzera, Portogallo e in Italia dove svolge attività concertistica in qualità di solista e in varie formazioni cameristiche. Dal 2013 è componente dell'ensemble di chitarre “Supernova” diretto da Arturo Tallini. Svolge attività didattica come maestro assistente presso il Conservatorio di Alessandria.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

Sabato, 11 Giugno 2016 15:35

Giulia Pozzi

Dopo aver iniziato lo studio della viola al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino con Davide Zaltron, si è diplomata sotto la sua guida nel 2011 con il massimo dei voti presso il Conservatorio "Arrigo Pedrollo" di Vicenza. Ha proseguito gli studi con Bruno Giuranna presso il Conservatorio della Svizzera italiana, a Lugano, dove nel 2014 ha portato brillantemente a termine il Master in performance. Nel 2017 ha conseguito il suo secondo master presso l’Università McGill di Montreal, Canada.

I suoi studi sono stati finanziati da borse di studio erogate dalla De Sono, dalla Fondazione Fabio Schaub e dalla Max Stern Fellowship in Music.

Nel 2008 è stata selezionata in qualità di prima viola dell'Orchestra Nazionale dei Conservatori italiani, con la quale si è esibita nell'ambito delle importanti rassegne musicali TaorminArte e MiTo. Ha partecipato a masterclasses estive e corsi di perfezionamento in Italia e all'estero tenuti da insegnanti quali Davide Zaltron, Simone Briatore, Bruno Giuranna, Danilo Rossi, Roland Glassl, Thomas Riebl e Antonello Farulli.

Ha collaborato con l'Orchestra Filarmonica di Torino, l'Orchestra del Teatro Regio di Torino, l'Orchestra Master dei Talenti della Fondazione CRT, l'Orchestra Giovanile Italiana, gli Archi De Sono e con l'Orchestra della Svizzera italiana; a partire dal 2013 si è esibita più volte con il Trio Debussy nell'ambito dell’Unione Musicale.

In Canada collabora con due orchestre giovanili, fa parte del Milton String Quartet e ha fondato il Duo Lachrymae con il pianista Jesse Plessis.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.