Concerto30Anni
archi de sono
brahmsilprogressivo
Previous Next Play Pause
Concerto30Anni Concerto30Anni
archi de sono archi de sono
brahmsilprogressivo brahmsilprogressivo
concerti
Archivio concerti
Martedì, 04 Aprile 2017 16:58

Matteo Catalano

Nato a Torino nel 1993, ha frequentato il Conservatorio “G. Verdi” della sua città nella classe di Bruno Bosio, diplomandosi nel 2016 con il massimo dei voti e menzione d’onore.

Ha seguito masterclasses con Aquiles Delle Vigne e Michel Béroff presso il Conservatorio di Torino, con Dominique Merlet all’Internationale Sommerakademie del Mozarteum di Salisburgo e con Benedetto Lupo presso l’Accademia di Pinerolo. Ha partecipato agli eventi concertistici del Conservatorio (Serate Musicali, Il Conservatorio per Santa Pelagia) sia come solista sia come camerista.

Con il sostegno della borsa di studio De Sono e della borsa di perfezionamento “Talenti Musicali, Fondazione CRT – Conservatorio Statale di Musica “G. Verdi” Torino” ha ottenuto il Master of Arts in Music Performance presso la Hochschule di Basilea nella classe di Filippo Gamba. Attualmente frequenta la Scuola di Musica di Fiesole con il M. Castro.

Classificatosi secondo al Concorso Pianistico Internazionale Città di Albenga si esibisce in diverse rassegne, tra le quali Tea Time Piano in Primo Piano.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

tamoxifen online otc arimidex online sale

Martedì, 04 Aprile 2017 16:33

Anna Astesano

Nata a Savigliano nel 1993, si è diplomata presso il Conservatorio "G. F. Ghedini" di Cuneo, sotto la guida di Maria Elena Bovio con il massimo dei voti. Ha frequentato i corsi superiori del Conservatoire National Supérieur de Musique et Danse de Lyon con Fabrice Pierre, Sylvain Blassel e Park Stickney, svolgendo anche un’intensa attività di musica da camera e approfondendo il repertorio di musica contemporanea grazie all’Atelieri XX-XXI. Nel biennio 2014-2015 ha partecipato al corso di perfezionamento per professori d'orchestra presso l'Accademia Teatro alla Scala di Milano, con cui ha svolto tournées negli USA e negli Emirati Arabi. Con il sostegno della De Sono ha frequentato il Postgraduate Advanced Diploma al Trinity Laban Conservatoire of Music and Dance di Londra ottenendo la laurea con il massimo dei voti nel 2018. Vincitrice di numerosi premi nazionali e internazionali, nel 2014 e nel 2016 ha ottenuto la borsa di studio "Master dei Talenti Musicali" della Fondazione CRT. Ha collaborato con l’Orchestre des Jeunes de la Mediterranée, con la Netherlands Jugend Orchestra e, per il triennio 2015-2018, è prima arpa dell'Orchestra "Luigi Cherubini", diretta da Riccardo Muti, con cui ha effettuato concerti in numerosi teatri italiani, in Giappone e Finlandia. Su invito della ditta Salvi Harps, ha preso parte alla rassegna “Arpissima” 2016, suonando e tenendo una masterclass al Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari. A Londra ha vinto il premio “Featured Young Performer” del London Ear Festival e ha collaborato con la London Southbank Sinfonia e, come prima arpa, con la Royal Opera House diretta da Antonio Pappano. Nel 2018 ha vinto l'audizione del Future Foyle First Programme, schema educativo della London Philharmonic Orchestra che prevede collaborazioni con l'orchestra per concerti e progetti di musica da camera e lezioni con la prima arpa.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

Percussioni contemporanee

 

Simone Rubino percussioni

 

Improvvisazioni e brani tratti dal repertorio percussionistico

 

Ingresso libero

 

Guarda il calendario completo degli incontri

Clarinettologia

 

Maura Marinucci clarinetto

Giorgia De Lorenzi pianoforte

 

Bela Kovacs

Hommage à Bach

Niccolò Paganini

Capriccio n. 24

Robert Schumann

Tre Romanze op. 94

Johannes Brahms

Allegro appasionato dalla Sonata op. 120 n. 2

 

Ingresso libero

 

Guarda il calendario completo degli incontri

Martedì, 31 Gennaio 2017 14:38

Dinara Segizbayeva

Nata a Kostanay (Kazakhstan) nel 1992, dopo aver frequentato la scuola di musica di Novosibirsk sotto la guida di Aleksey Gvozdev, si è diplomata al Conservatorio «M.I. Glinka» di Novosibirsk, nella classe di Marina Kuzina.

Trasferitasi in Italia ha frequentato l’Accademia di Musica di Pinerolo con Adrian Pinzaru e la classe di musica da camera di Antonio Valentino al Conservatorio di Torino. Attualmente segue il corso accademico di II livello con Sergio Lamberto al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino.

Ha vinto numerosi premi in concorsi nazionali e internazionali in Russia e a Torino ha ottenuto la borsa di studio “Open Source” dell’Accademia di Musica di Pinerolo.

Ha frequentato masterclasses in Russia con T. C. Berkul, U. Volgin, Z. N. Bron, Y. Kless e a Torino con Ilya Grubert. Ha collaborato con Orchestra Giovanile di Novosibirsk, Orchestra Filarmonica di Novosibirsk, Academic Orchestra del teatro "Il Globo" di Novosibirk, Orchestra da camera "Lucido archi" di Novosibirsk.

 

Borsa di studio assegnata per l'anno accademico 2016-2017, in collaborazione con il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino e con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

Martedì, 31 Gennaio 2017 14:35

Anastasiia Stovbyr

Nata a Poltava (Ucraina) nel 1990, si è diplomata alla Scuola di Musica M. Lysenko della sua città nella classe di Liudmila Bubnova e ha in seguito ottenuto il Master all'Accademia Nazionale Musicale “Pëtr Il'ič Čajkovskij” di Kiev sotto la guida di Mariia Pukhlianko.

Attualmente frequenta il corso di diploma accademico di II livello di Giacomo Fuga al Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino.

Si è esibita in concerti con orchestra sinfonica in Ucraina e in Polonia, collaborando con i direttori Vitalij Skakun, Igor Pylatiuk, Igor Dohovic, Mykola Lysenko.

Ha partecipato a concorsi e festival nazionali e internazionali aggiudicandosi numerosi diplomi e premi e nel 2015 ha curato il programma musicale per bambini presso l'8 ° Festival internazionale di arte contemporanea GogolFest di Kiev.

 

Borsa di studio assegnata per l'anno accademico 2016-2017, in collaborazione con il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino e con il sostegno della Compagnia di San Paolo

Martedì, 31 Gennaio 2017 14:16

Simone Ivaldi

Nato a Sassari nel 1994, ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di otto anni, proseguendo poi in Conservatorio dove ha conseguito la laurea di primo livello con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Stefano Mancuso.

Nell’anno accademico 2013-2014, nell’ambito del progetto Erasmus, ha frequentato per due semestri la Hochschüle für Musik und Theater di Monaco di Baviera nella classe del pianista Wolfram Schmitt-Leonardy.

Ha partecipato a masterclasses con Benedetto Lupo, Olaf Laneri, Enrico Pace, Maurizio Baglini, Andrea Lucchesini e Fabio Bidini. Attualmente prosegue gli studi presso il Conservatorio “G. Verdi” di Torino con Laura Richaud e presso l’Accademia di Musica di Pinerolo con Enrico Stellini e Pietro De Maria. Ha fatto parte dell’Orchestra Giovanile della Sardegna partecipando a numerose produzioni, tra le quali l’opera La parrucca di Mozart di Jovanotti; con la stessa orchestra nel 2012 ha anche esordito come direttore presso il Teatro Verdi di Sassari. Dopo aver tenuto il suo primo recital a soli quindici anni, ha suonato per importanti istituzioni e in numerose città: Mantova, Sassari, Torre Pellice, Nuoro, Milano; si è inoltre esibito in Argentina, presso il Conservatorio di Neuquén in Patagonia, a Concepciòn del Uruguay per l’associazione Amici della Musica e a Lancaster (Stati Uniti), nell’ambito del “Lancaster International Piano Festival”.

Nel 2014 ha eseguito il Concerto in fa minore per pianoforte e orchestra di Chopin con l’Orchestra del Conservatorio di Sassari.

 

Borsa di studio assegnata per l'anno accademico 2016-2017, in collaborazione con il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino e con il sostegno della Compagnia di San Paolo

Martedì, 31 Gennaio 2017 12:45

Tommaso Santini

Nato a Trento nel 1993, ha conseguito col massimo dei voti e la lode il diploma accademico di primo livello al Conservatorio di Bolzano, sotto la guida di Marco Bronzi.

Ha partecipato a corsi e masterclasses con Lukas Hagen, Dora Schwarzberg e Yaïr Kless.

Attualmente è iscritto al biennio superiore presso il Conservatorio di Torino, dove studia con Sergio Lamberto e si sta perfezionando in un corso di formazione orchestrale tenuto dalle prime parti della Filarmonica Teatro Regio presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo.

Nel 2014 ha partecipato ai corsi dell’Accademia Gustav Mahler di Bolzano, suonando sotto la direzione di Daniel Harding. Nel 2015 ha suonato nella Orchestre Français des Jeunes, sotto la direzione di David Zinman, in Francia e Svizzera in sale quali Philharmonie di Parigi, Grand Théatre de Provence di Aix, Auditorium Stravinskij di Montreux. Dallo stesso anno è membro dell’Orchestra Giovanile Italiana di Fiesole, nel ruolo di concertino dei primi violini nel 2015 e di spalla dei secondi nel 2016, e ha suonato sotto la guida di noti maestri tra cui Jeffrey Tate, Daniele Gatti, Juraj Valčuha, John Axelrod, Stanislav Kochanovsky, Andris Poga, Giampaolo Pretto, nei più importanti teatri e festivals italiani. A Fiesole partecipa inoltre a stage di musica da camera con Andrea Lucchesini, Andrea Repetto e Alina Company, nonché sui passi orchestrali con Andrea Tacchi, Marco Lamberti e Cecilia Bacci.

A settembre 2016 ha suonato nel quintetto op.44 di Schumann insieme ad Andrea Lucchesini per il festival MITO. È risultato idoneo alle selezioni 2016 per la Gustav Mahler Jugendorchester e collabora con l’Orchestra Giovanile Cherubini, diretta da Riccardo Muti.

 

Borsa di studio assegnata per l'anno accademico 2016-2017, in collaborazione con il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino e con il sostegno della Compagnia di San Paolo

Martedì, 04 Ottobre 2016 15:42

Nel teatro del Principe

L’attività nel teatro della Villa medicea di Pratolino, presso Firenze, culminò nel primo decennio del Settecento, quando il principe Ferdinando de’ Medici vi fece rappresentare, una per anno, opere in musica di Alessandro Scarlatti e Giacomo Antonio Perti. Le partiture sono perdute, ma sopravvivono numerosi documenti inediti: essi illustrano il mecenatismo del Principe e il funzionamento della macchina teatrale. Il saggio si concentra sulle sei opere di Perti (Lucio Vero, Astianatte, Dionisio, Ginevra, Berenice e Rodelinda), nonché sui suoi rapporti col Principe, col librettista Antonio Salvi, col rivale Scarlatti, con i cantanti e con la corte ferdinandea, sullo stile da lui seguito e – per quanto è dato sapere o lecito ipotizzare – sulla fisionomia dei suoi lavori (strutture e risorse poetiche, teatrali e musicali).

Domenica, 04 Dicembre 2016 12:39

Premio Renzo Giubergia 2016

Premio Renzo Giubergia

IV Edizione

alla clarinettista Maura Marinucci

 

Archi De Sono orchestra da camera

Alessandro Moccia primo violino concertatore

Maura Marinucci clarinetto

 

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)

Concerto in la maggiore per clarinetto e orchestra KV 622

Gaspare Tirincanti (1951-2014)

Clarinettologia

Franz Joseph Haydn (1732-1809)

Sinfonia in sol maggiore «La sorpresa» Hob. I:94

 

Ingresso libero