Concerto30Anni
archi de sono
brahmsilprogressivo
Previous Next Play Pause
Concerto30Anni Concerto30Anni
archi de sono archi de sono
brahmsilprogressivo brahmsilprogressivo
concerti
Archivio concerti
Martedì, 04 Giugno 2019 14:28

Alberto Pipitone Federico

Nato a Torino nel 1998, ha iniziato lo studio del pianoforte a sei anni. Ha studiato con Margherita Pinto e successivamente al Conservatorio “G. Verdi” di Torino con Claudio Voghera diplomandosi nel 2017 con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore.

Ha partecipato a numerosi corsi e masterclasses con Benedetto Lupo, Enrico Pace, Andràs Shiff, Andrea Lucchesini, Gianluca Cascioli, Fabio Bidini e Roberto Plano.

Dal 2015 si perfeziona con Gabriele Carcano e nel 2018 è stato ammesso al corso tenuto da Benedetto Lupo presso l’Accademia di Musica di Pinerolo.

Ha partecipato a diversi concorsi, ottenendo sempre buoni risultati. È stato più volte invitato a suonare da importanti enti musicali e in diverse rassegne - quali l’Unione Musicale di Torino, il Festival pianistico “Mario Ghislandi” di Crema, la Camerata Ducale di Vercelli, l’Accademia Corale Stefano Tempia - in veste sia di solista sia di camerista.

Nel 2016 ha inoltre inaugurato la stagione concertistica del Conservatorio “G. Verdi” di Torino suonando in due serate il Terzo Concerto di Beethoven con l’Orchestra del Conservatorio.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

Martedì, 04 Giugno 2019 14:02

Lucia Molinari

Nata a Novara nel 1997, intraprende lo studio del violoncello all'età di 6 anni e si diploma con il massimo dei voti presso l'ISSM “Vittadini” di Pavia sotto la guida di Cecilia Radic. Ha studiato stabilmente con Giovanni Gnocchi, Stefano Cerrato e Ulrike Hoffmann e ha partecipato a masteclasses tenute da Niklas Eppinger, Relja Lukic, Martti Rousi, Antonio Meneses ed Enrico Bronzi.

Attualmente, con il sostegno della De Sono, frequenta il Master in Music Performance presso l’Hochschule der Künste di Berna nella classe di David Eggert.

Nel 2014 ha fondato il Quartetto d'archi Dàidalos con cui frequenta i corsi presso l'Accademia Stauffer e l’Accademia di Pinerolo, prende parte ad alcune sessioni della European Chamber Music Academy e partecipa a masterclasses tenute da membri di prestigiosi quartetti. Il quartetto Dàidalos ha all’attivo numerosi concerti in Italia e all’estero.

Ha conseguito la maturità classica con il massimo dei voti ed è laureanda magistrale in Musicologia presso il Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali a Cremona.

Collabora con Simone Gramaglia alla stesura bimestrale della rubrica L’Angolo del Quartetto all’interno della rivista Archi Magazine.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

Lunedì, 03 Giugno 2019 22:15

Gabriele Mercandelli

Nato a Gallarate nel 1997, ha studiato presso il Conservatorio “Guido Cantelli” di Novara prima con Fulvio Schiavonetti e poi nella classe di Sandro Tognatti con il quale si è diplomato con il massimo dei voti e la lode nel 2018. Ha partecipato a masterclasses con i più grandi clarinettisti di fama mondiale tra cui Nicolas Baldeyrou, Michel Arrignon, Calogero Palermo, Ronald Van Spaendonck, Enrico Maria Baroni, Riccardo Crocilla e Lorenzo Antonio Iosco.

Attualmente, con il sostegno della De Sono, partecipa al corso annuale tenuto da Calogero Palermo presso l’Accademia di musica “Scatola Sonora” di Roma.

Nel 2017 ha vinto il XVII Concorso internazionale di clarinetto "Città di Chieri" e nel 2018, rappresentando il Conservatorio di Novara, il “Premio Nazionale delle Arti” per la sezione legni-clarinetto; inoltre è risultato idoneo all'audizione dell’Orchestra Giovanile Italiana.

L'attività concertistica lo vede impegnato in varie formazioni cameristiche e orchestrali. Nel 2017 ha fondato il Trio Cantelli insieme a Davide Agamennone e Cecilia Apostolo (violino, clarinetto, pianoforte), che presta particolare attenzione al repertorio novecentesco e si esibisce per diverse stagioni concertistiche. La formazione è stata inoltre selezionata come rappresentante del Conservatorio di Novara al Premio delle Arti 2018, classificandosi tra i finalisti.

A maggio si esibirà come solista con l’orchestra del Conservatorio “Guido Cantelli” diretta da Nicola Paszkowski a Novara, Biella e Tortona e a luglio prenderà parte al Festival dei Due Mondi di Spoleto.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

Lunedì, 03 Giugno 2019 22:02

Luca Mazzon

Dopo aver studiato presso la scuola media “Calderari” di Vicenza e presso il Conservatorio “A. Pedrollo” di Vicenza, si diploma in flauto con il massimo dei voti a 19 anni presso l'Istituto Superiore di studi musicali “O.Vecchi- A. Tonelli” di Modena sotto la guida del Prof. G. Betti. Ha frequentato il Master of Music alla Hanns Eisler Hochschule für Musik di Berlino nella classe di Benoit Fromanger, si è diplomato presso l'Accademia Perosi di Biella sotto la guida di Davide Formisano e ha seguito i corsi di perfezionamento di Andrea Oliva presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Si è perfezionato inoltre nel repertorio cameristico e solistico con flautisti di nota fama.

Attualmente, con il sostegno della De Sono, frequenta il Master of Music della Musikhochschule Lübeck in Germania sotto la guida di Angela Firkins, Thomas Biermann e Mareile Haberland.

È vincitore di numerosi premi in concorsi nazionali e internazionali nonché di un diploma di merito al Concorso Internazionale “Antonio Salieri” e di una borsa di studio offerta dal “Livorno Music Festival”.

Ha vinto audizioni per l'Orchestra dell'Accademia del Teatro alla Scala di Milano, la Mitteleuropa Orchestra e l’Orchestra del Teatro Massimo Bellini di Catania.

Ha suonato con numerose orchestre tra le quali l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, l’Orchestra dell'Accademia del Teatro alla Scala, l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, l’Orchestra dell’Arena di Verona, la Neue Philharmonie Hamburg, la Junge Norddeutschephilharmonie, partecipando a tournée in Stati Uniti, Oman, Emirati Arabi, Serbia, Slovenia, Croazia, Germania, Francia, Austria, Cina ed esibendosi in teatri e festival prestigiosi sotto la guida di noti direttori.

Nel 2018 ha vinto il Praktikum presso la Mitteldeutsche Kammerphilharmonie (ricoprendo anche il ruolo di primo flauto), con la quale suonerà nel mese di giugno in qualità di solista.

È laureato in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l’Università degli Studi di Padova.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

Lunedì, 03 Giugno 2019 21:52

Matteo Forla

Nato a Torino nel 1994, si diploma sotto la guida di Bruno Oddenino al Conservatorio “G.Verdi” con il massimo dei voti. Partecipa a numerose masterclasses e lezioni private con celebri oboisti tra i quali L.Finetto (primo oboe al Teatro Regio di Torino), D.Orlando (primo oboe al Gewandhaus di Lipsia), e C.Hartmann (Berliner Philharmoniker). Nel 2014 viene ammesso al Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano dove si perfeziona con il Maestro F.Thouand, sostenuto dalla borsa di studio della Fondazione CRT.

Attualmente è stato ammesso al Conservatorio di Losanna dove, con il contributo della borsa di studio De Sono, studierà nella classe del Maestro J.L.Capezzali.

Ha collaborato con l’Orchestra Giovanile Alleramica, l'Orchestra da Camera Guadagnini di Pianezza come oboe solista e, come primo oboe, con l'Orchestra Giovanile Boccanegra di Genova.

Dopo gli studi a Lugano è risultato idoneo alle audizioni presso l’Orchestra della RAI, il Teatro Olimpico di Vicenza e il Teatro alla Scala di Milano, presso il quale ha vinto anche l’audizione da primo oboe accademista. È quindi iniziato un periodo di frequenti collaborazioni con orchestre e associazioni musicali italiane e di esperienze all’estero, come i concerti eseguiti con l’Orchestra da Camera di Lugano, suonando sotto la direzione di celebri direttori quali A.Tamayo, T.Netopil e Z.Mehta.

Ha fondato il Quintetto Pentafiati con cui ha vinto il primo premio assoluto al Concorso di musica da Camera Città di Stresa (edizione 2014), e con il quale si esibisce regolarmente in Italia e Svizzera.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

Lunedì, 03 Giugno 2019 21:36

Ilario Fantone

Nato a Campobasso nel 1997, si è diplomato in violoncello con il massimo dei voti e la lode presso il Conservatorio di Musica “O. Respighi” di Latina sotto la guida di Michele Chiapperino. Ha seguito inoltre numerose masterclasses con Umberto Clerici, Massimo Polidori, Luigi Piovano, Frans Helmerson, Asier Polo, Amedeo Cicchese e Jens-Peter Maintz.

Ha frequentato la Pavia Cello Academy con Enrico Dindo, i corsi di perfezionamento di Giovanni Sollima presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Accademia W. Stauffer di Cremona con Antonio Meneses e la Scuola di Musica di Fiesole con Giovanni Gnocchi, con il quale attualmente, con il sostegno della De Sono, segue il Master-Studium presso l’Universität Mozarteum di Salisburgo.

Dopo aver seguito il biennio di perfezionamento del corso “Obiettivo Orchestra”, tenuto dal Teatro Regio di Torino è risultato 1° idoneo in un’audizione alla presenza del M° Gianandrea Noseda, in seguito alla quale ha collaborato con l’Orchestra del Teatro Regio di Torino e la Filarmonica del Regio, sotto la direzione, tra gli altri, di Gianandrea Noseda e Karl-Heinz Steffens. Dal 2018 collabora con l'Orchestra Filarmonica della Scala.

Si è esibito in duo nelle stagioni musicali delle associazioni culturali “Amici di Verdi” di Busseto e “Incontri d’Autore” di Cuneo e dal 2018, dopo aver vinto l’audizione, suona regolarmente come camerista per l’Accademia dei Cameristi di Bari.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

Lunedì, 03 Giugno 2019 21:28

Lorenzo Bovitutti

Nato a Gallarate nel 1993, inizia gli studi a 8 anni. Allievo storico di Roberto Plano, si è diplomato con lui con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore dopo aver studiato nei Conservatori di Gallarate, Vicenza e Alessandria. Ha beneficiato anche della guida di Roberto Prosseda e di Maria Grazia Bellocchio.

È attualmente Artist in Residence presso la Chapelle Musicale Reine Elisabeth di Bruxelles, dove si perfeziona con Louis Lortie e Avedis Kouyoumdjian.

Ha tenuto recital in tutta Italia e si è esibito anche in Argentina, Francia, Lituania, Croazia e Belgio. Ha eseguito il Concerto per Pianoforte e Orchestra K. 414 di Mozart a Gallarate e a Torino, il Primo Concerto di Beethoven a Saronno, ed il Concerto in Fa minore di Bach a Bruxelles e Como.

Musicista inventivo ed estroso, ha fondato nel 2018 l’Eine Kleine Ensemble: un gruppo strumentale versatile con il quale si dedica all’esplorazione di rare pagine cameristiche. Fra i progetti più notevoli, l’esecuzione dell’oscuro Sestetto Op. 33 di Felix Weingartner, nel prestigioso cartellone di BA Classica. Suona stabilmente con il clarinettista varesino Giona Pasquetto, attualmente professore d’orchestra presso l’Accademia del Teatro alla Scala.

È anche fondatore e direttore artistico di “Donatori di Musica - Gallarate”, una stagione di beneficenza nella sua città natale, dove i migliori concertisti italiani vengono invitati ad esibirsi per i malati terminali. Lettore vorace, ha trovato grande fonte di ispirazione negli scritti di Epitteto, Dostoevskij e Ken Wilber.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

Lunedì, 03 Giugno 2019 21:19

Claudio Berra

Nato nel 1997, si diploma al Conservatorio “G. Verdi” di Torino con il massimo dei voti, la lode e la menzione d’onore sotto la guida di Laura Richaud. Continua gli studi con Laura Richaud (biennio a indirizzo concertistico presso il Conservatorio) e con Enrico Pace e Roberto Plano (Accademia di Musica di Pinerolo). Frequenta inoltre numerose masterclasses con grandi maestri. 

Con il sostegno della De Sono segue il corso di Benedetto Lupo all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma.

Ha partecipato a concorsi nazionali e internazionali conseguendo primi premi e recentemente si è classificato quarto al prestigioso “Premio Venezia” presso il Teatro La Fenice. Ha vinto il Premio Tempia 2018 e ha beneficiato della borsa di studio “Talenti Musicali” della Fondazione CRT.

Si è esibito sia in recital sia in ensemble per numerosi enti musicali quali Musica d’Estate, I concerti di Santa Pelagia, The Paris Summer Festival all’École Normale “A. Cortot”, Unione Musicale, Accademia Corale Stefano Tempia, Viotti Festival.

Ha debuttato come solista nel 2017 con l’orchestra del Conservatorio di Torino sotto la direzione di Giuseppe Ratti, eseguendo il Concerto n. 2 di F. Chopin presso il Teatro Sociale di Pinerolo; con la stessa orchestra si è esibito presso la sala del Conservatorio “G. Verdi” di Torino e l'Abbazia di Rivalta Scrivia all'interno del Perosi Festival 2019.

Dal 2017 suona in duo con la violinista Esther Zaglia. Si è esibito inoltre al fianco del grande violista Bruno Giuranna eseguendo il Quartetto in do minore di G. Faurè.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

Lunedì, 03 Giugno 2019 13:40

Federico Altare

Nato nel 1997, ha iniziato gli studi con Gregorio Tuninetti e Danilo Putrino, per poi frequentare il corso accademico con Gianni Biocotino presso il Conservatorio “G. Cantelli” di Novara e diplomarsi con lode. Ha partecipato a masterclasses con P. Taballione, M. Moraguès, F. Souchard-Delepine, A. Manco, M. Zoni.

Attualmente, con il sostegno della De Sono, sta proseguendo gli studi presso la Codarts-Rotterdam University con i maestri Juliette Hurel, Julie Moulin e Wim Steinmann.

È primo flauto della NJO (orchestra giovanile d’Olanda) e nella stagione 2018-2019 è stato accademista della Rotterdam Philharmonic Orchestra seguito tra gli altri da Josephine Olech. La sua esperienza orchestrale lo ha portato a suonare con direttori come Gustavo Gimeno, Jukka-Pekka Saraste, Edo De Waart, Michel Plasson, a collaborare con solisti come Pekka Kuusisto ed Emanuel Ax, e a suonare in sale di fama internazionale, come De Doelen a Rotterdam e Goldener Saal del Musikverein diVienna.

Ha suonato in vari festival di musica da camera e ha raggiunto la finale del Grote Kamermuziek Prijs con il suo Desiderio Trio. Ha preso parte ad alcune tra le stagioni concertistiche di musica da camera più importanti di Olanda, come quelle della Kleine Zaal del Concertgebouw di Amsterdam e nella Jurriaanse Zaal di Rotterdam, dove si è esibito come solista suonando la Suite en Concert di A. Jolivet.

 

Borsa di studio assegnata con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

Giovedì, 20 Dicembre 2018 13:32

Gianmarco Moneti

Gianmarco Moneti nasce nel 1996 ad Arezzo, dove inizia lo studio del pianoforte all’età di undici anni sotto la guida di Lara Viviani e successivamente al Liceo Musicale Francesco Petrarca con Alessandro Tricomi. Successivamente si iscrive al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Torino, laureandosi con il massimo dei voti e lode con Laura Richaud. Ha seguito lezioni e masterclass di pianisti di grande rilievo nazionale ed internazionale come Cristiano Burato, Norberto Capelli, Aleksandar Madzar, Michele Marvulli, Emanuele Arciuli, Marco Zuccarini, Joaquìn Achùcarro, Michel Béroff e Roberto Plano. Attualmente frequenta il Biennio specialistico con Laura Richaud e l‘Accademia di Musica di Pinerolo con Enrico Pace e Giovanni Doria Miglietta. Ha suonato per numerose istituzioni e festival italiani come Amici Della lirica d’Imperia, Oratorio Santa Cecilia di Bologna, Concessionaria Steinway & Sons di Firenze, Musica negli Horti di San Quirico D’Orcia, Festival Polifonico Guido D’Arezzo, Liberty Festival di Gardone Riviera, Giovani in Musica di Bologna, Festival Mozart e Festival Schumann dell’ Unione Musicale di Torino, RAI di Torino all’interno del programma televisivo Nessun Dorma. Parallelamente al percorso solistico si è perfezionato nell’accompagnamento pianistico, ricoprendo nel 2016 il ruolo di Maestro collaboratore al Teatro Regio di Torino; nella propria città, è Direttore artistico della stagione musicale “Echi”, per la quale ha creato il progetto Ensemble Strumentale “Fac Ut” che segue e dirige personalmente.

 

Borsa di studio assegnata per l'anno accademico 2018-2019, in collaborazione con il Conservatorio "Giuseppe Verdi" di Torino e con il sostegno della Compagnia di San Paolo.